Pagine

lunedì 19 gennaio 2015

Canederli alla salsiccia con salsa al cavolo verza

Ecco la mia prima sfida al MTChallenge, sono molto emozionata per questa nuova avventura, speriamo di riuscire a gestire tutto quanto. La sfida di questo mese è sui canederli, piatto tipico della cucina Tirolese. Ovviamente non li ho mai mangiati, quelli originali e non sono mai  andata neanche in Trentino. Quando penso hai canederli, penso sempre ha un piatto ricco, da gustare dopo una bella sciata, una bella passeggiata in montagna, accanto al fuoco. E ieri finalmente grazie alla temperatura glaciale, ho deciso di farli e adesso vi mostro come sono venuti:

Ingredienti:
Per i canederli:
200 pane raffermo (mi è andata bene perchè ho usato del pane, ovviamente fatto da me, che avevamo avanzato)
1 bicchiere di latte
200 gr di salsiccia
1 porro
200 gr di formaggio grana
2 uova (delle nostre galline)
Un pizzico di sale
2 litri di brodo (il giorno prima avevo fatto il vitello tonnato e ho recuperato il brodo)

Per la salsa
1 cavolo cappuccio
500 gr di besciamella


Procedimento:
1. Tagliare il pane a quadretti piccolissimi, e metterli a bagno in un bicchiere di latte, io l'ho messo a bagno per 4 ore perchè era parecchio duro.
2. Ho fatto soffriggere la salsicetta, dopo averla spellata, in una padella con un filo di olio e del porro in modo da farla disfare il più possibile.
3. Quindi quando si è raffreddato tutto ho unito la salsiccia al pane, 2 uova e il formaggio grana, vista la consistenza troppo molliccia ho aggiunto due cucchiai di farina.
4. Ho lasciato riposare l'impasto per mezz'ora e poi ho formato le classiche palline.
5. Per la salsa ho tagliato il cavolo verza a striciolini fini e l'ho fatto stufare con un filo d'olio, e un goccio d'acqua, in modo che diventi morbido. Poi ho messo tutto nel frullatore ad imersione e ho "allungato" con la besciamella, ovviamente preparata prima.
6. Ho portato ad ebollizione il brodo e ho cotto i canederli fino a che non venivano a galla. Poi li ho scolati e li ho serviti con la salsa al cavolo verza.

Con questa ricetta partecipo al contest
Posta un commento